Botanica e Medicina Naturale

Benvenuti su EtnoBotanica.org!

Notizie In Rilievo

Collegamenti Sponsorizzati

Omeopatia, cure naturali
Payday loans
maintop.gif

Tutti gli articoli di maggio, 2012

benvenuta-palombi-semplice.jpg   Questa pianta conosciuta da Dioscoride e Galeno, nonchè dalla Scuola Salernitana, citata ampiamente dal Mattioli, come medicamento fitoterapico, è in disuso. Mentre nella tradizione popolare (zona di Anzio), l’infuso delle sue foglie veniva assunto come diuretico e il decotto, 2 o 3 tazzine al giorno, era usato come antiinfiammatorio epatico. A Marino (RM), il decotto di rizoma o foglie è usato come antitosse. In Toscana fa parte delle felci che curano le scottature.Probabilmente l’abbandono di questo tipo di medicamento si deve anche alla scomparsa della pianta in varie  zone della nostra penisola. E’ ancora molto rigogliosa sui monti Cimini, intorno al lago di Vico, nel Lazio, dove la zona è controllata e protetta da anni dal WWF. In questa zona, che io frequento da circa trent’anni, si nota la differenza di sviluppo e rigoglio e la varietà delle piante e dei funghi, dei muschi e dei licheni oltre che degli animali e degli uccelli. In questi boschi la Scolopendra, chiamata anche lingua di cane e lingua cervina, abbellisce il sottobosco, si potrebbe dire che ha una bellezza provocante!Il suo nome deriva dalla disposizione dei sori che li fanno assomogliare alle zampe dell’animale omonimo.E’ detta anche lingua cervina  o lingua di cane per il portamento delle foglie. 

  
blog etnobotanica